Marketing Territoriale e dell’Ospitalità

V Workshop nazionale degli Ecomusei – 14 e 15 novembre 2015 a Villanova di Bagnacavallo (RA) e Argenta (FE):

Molti non sanno cos’è un Ecomuseo e quale ruolo gioca per lo sviluppo del patrimonio culturale di una comunità locale e di un territorio. Qui il mio intervento a questo significativo convegno nazionale, in preparazione del Congresso mondiale che si terrà a Milano, dal 3 al 9 luglio 2015, dove il nostro GMT  farà da capofila e coordinatore di un programma di Ospitalità rivolto agli oltre 4.000 delegati iscritti, in collaborazione con gli Ecomusei della Laguna veneta, Umbria, Abruzzo, Basilicata:

Il “Format GMT” – Marketing Territoriale e dell’Ospitalità per un Turismo Esperienziale 4.1.17

Marradi on the Beach – Il primo GMT della Romagna Toscana.

Cartello completoClicca sull’immagine qui sopra per ascoltare il servizio di Ravenna/FaenzaWeb TV

Venerdì 23 ottobre 2015, all’Aloha Beach di Marina Romea abbiamo presentato il GMT di Marradi, esprimendo il concetto dell’alta stagione della località collinare con la “bassa”/terminata stagione a Marina Romea. Ma c’è un imprenditore, Alberto Belloni, che da 11 anni organizza “A cavallo nel mare d’autunno”, richiamando circa un migliaio di cavalli (e i loro “driver”) da tutta Italia. E poi c’è il fiume Lamone che parte da Marradi e sfocia a Marina Romea! Continue reading Marradi on the Beach – Il primo GMT della Romagna Toscana.

“Faience:Emozioni Ceramiche”. La prima operazione di Incoming realizzata dal GMT Romagna.

 

In collaborazione con l’Ente Ceramica di Faenza ed ExtraClass per il supporto linguistico, dal 4 al 13 settembre 2015 il nostro GMT ROMAGNA ha realizzato l’operazione  “Faïence: emozioni ceramiche!”, nel quale sei ceramisti provenienti dalla Russia hanno partecipato alla Masterclass di Foggiatura al Tornio e Decoro Ceramico presso due botteghe faentine, sotto la guida dei maestri Gino Geminiani, Ivana e Saura Vignoli.

“Con questa operazione”, commenta Massimo Isola, Assessore alla Ceramica e Presidente di Ente Ceramica Faenza, “probabilmente si potrà aprire in futuro un percorso più strutturato che coniughi turismo, accoglienza e formazione nel sistema della ceramica: si tratta di un ambito importante, che merita di essere approfondito proprio perchè questo tipo di esperienza turistica multi-livello è in grado di sviluppare un senso e un’attrattività nuovi nel nostro tempo, più che in passato. In questo caso, l’idea è nata in occasione dell’ultima edizione del Mondial Tornianti (settembre 2014), un evento che si è dimostrato in grado di attivare energie e percorsi al di là della competizione. Il progetto che abbiamo costruito si è dimostrato efficace, e costituisce a tutti gli effetti un format di formazione ceramica e conoscenza del territorio, attraverso il coinvolgimento di diverse realtà, che può avere una sua attrattività anche verso altri ambiti territoriali”. E’ interessante considerare che l’indotto generato da questa operazione ha coinvolto 24 attività economiche, 12 Enti e 12 persone di staff coinvolte per 10 giorni.
La Voce

 

Il GMT Romagna per la formazione di Operatori Turistici dalle Mauritius

“A partire da lunedì 15 giugno, 11 Mauriziani saranno ospitati in 3 agriturismi della Romagna. Gli stessi fanno parte del programma di “Formazione teorica e pratica destinato a 70 cittadini Mauriziani impegnati nei settori della pesca e del turismo”. Progetto finanziato dall’Unione Europea e dal Ministero del Lavoro nell’ambito delle cooperazioni internazionali e monitorato anche dal Ministero del Lavoro Mauriziano e dall’Organizzazione Intenrazionale per l’Immigrazione. Ruolo di CEFAL è stato organizzare le tre settimane di workshop di formazione, iniziato lunedi 8 giugno e composto da una prima parte teorica e una seconda parte di stage in azienda. L’obiettivo per i Mauriziani accolti a Bologna, è lo scambio di conoscenza per realizzare delle attività agrituristiche nelle isole Mauritius, e in particolare l’isola Rodrigues, diversificando in questo modo l’economia del paese e sviluppando contemporaneamente delle forme di turismo sostenibile e che incentivino il settore agricolo. La parte teorica ha riguardato la preparazione sui temi del marketing territoriale, gestione di impresa turistica, promozione e creazione di reti territoriali, ma anche approfondito sul campo il tema del biologico con professionisti del settore (in foto presso l’azienda Buonlatte di San Bernardino). Si apprestano ora a completare tre diverse esperienze di stage, che faranno vivere nel concreto l’attività agrituristica romagnola, affinchè possano riportare questa conoscenza nel loro Paese e auspicabilmente creare una rete che sia in grado di sviluppare ulteriormente il progetto agrituristico”.

Finalmente il primo programma di Incoming turistico per la Bassa Romagna…

Sino ad oggi nessuno aveva lavorato per confezionare un’offerta strutturata di Incoming turistico a partire dall’entroterra ravennate, credendo che località come “Cotignola” non avessero nulla di così interessante da farne un prodotto turistico. Beh, per la prima volta con il mio GMT-Romagna abbiamo realizzato questa proposta in occasione del week end del 25 aprile. Grazie alla collaborazione di “local expert” come “quelli della Primola” :-).

Leggete qui e…buon divertimento perchè anche i Romagnoli possono fare i turisti a casa propria!

 

Presente e Futuro del Turismo: Un Piano d’Azione intercomunale nel Veronese!

Sto lavorando ad un bel progetto di #marketing territoriale e #turistico che abbraccia un territorio ampio e intercomunale coinvolgendo i comuni di: Valeggio sul Mincio, Castelnuovo del Garda, Sona, Bussolengo e Pastrengo, in provincia di Verona.

La finalità del progetto consiste nella realizzazione di un’aggregazione intercomunale fra Operatori Economici (i cinque Comuni hanno siglato un protocollo d’intesa) capace di delineare strategie e un Piano d’Azione a valere su un territorio attento allo sviluppo turistico della propria comunità locale e alla commercializzazione (e non solo promozione!) delle proprie eccellenze.È un bell’esempio di cosa significa integrare le forze fra il Pubblico e il Privato e, soprattutto, come riuscirci :-).

A tal fine la partecipazione dei Soggetti Economici del territorio al Network è volta a:
– Costituire l’aggregazione di territorio che rappresenta la “testa pensante” e il regista delle azioni da mettere in atto nel futuro prossimo per coniugare promozione e commercializzazione delle località turistiche e dei loro prodotti.
– Contribuire alla definizione dei contenuti condivisi del Piano d’Azione contenente l’indicazione degli obiettivi e delle azioni realizzabili in un determinato arco temporale, compresa l’espressione delle risorse utili allo scopo.

Nel frattempo abbiamo avviato un Corso per Destination Manager residenti sul territorio intercomunale. A loro poi il compito di organizzare e coordinare le attività e azioni per un’offerta turistica integrata, creando un GMT locale!Foto primo incontro 2 marzo a giugno 2015 la presentazione del Piano d’azione e del Corso per Destination Manager. Very fascinating!

Qui uno degli articoli sulla Conferenza stampa di presentazione del Progetto:L'Arena.it Verona

 

2.12.2014 “big data”…All’Ecomuseo delle Erbe Palustri il GMT incontra le Agenzie Viaggio romagnole per un Incoming Integrato

Diciamoci le cose come stanno: Per “Turismo in Romagna” si è sempre inteso la Riviera Adriatica da cui abbiamo acquisito espressioni come “destagionalizzare” ed “entroterra”, considerando implicito che il turismo romagnolo sia confinato alla spiaggia e a tre mesi all’anno (quando va bene).

Noi del GMT (Gruppo di Marketing Territoriale) riteniamo che la Romagna sia (e possa essere) molto di più, capace di far vivere emozioni e proporre motivazioni esperienziali di forte interesse per i mercati internazionali così come per gli italiani (compresi i “Romagnoli all’estero”..).

Stiamo pertanto lavorando per verificare la fattibilità di un’attività di Incoming turistico in Romagna, in forma strutturata e coordinata, dal collinare al mare per 365 giorni all’anno. Perché ogni stagione offre “Emozioni e Ospitalità”.

In questo ambito l’Agenzia Viaggio e in particolare la figura del “Direttore Tecnico d’Agenzia” rivestono un ruolo rilevante e non solo in osservanza della normativa regionale. Ma occorre conoscere bene il territorio per confezionare proposte su misura “inusuali” e di forte appeal, come altresì attivare un’attività commerciale innovativa rispetto ai tradizionali canali di fiere e workshop.

Così, visto il numero e la complessità degli argomenti, martedì 2 dicembre 2014,

abbiamo pensato di promuovere un incontro-confronto invitando chi per primi, fra Agenzie Viaggio e Direttori Tecnici si sono dimostrati più sensibili e interessati ad occuparsi di Incoming in Romagna. Erano presenti anche Local Experts, Guide Turistiche, Storytellers, Promotori di eventi del territorio, Consulenti di Social Media, Editori locali, Proprietari di strutture ricettive, etc.. etc..

 

Marketing Territoriale e Competenze per il Turismo

Quest’interessante esperienza proseguirà, con un protocollo di intesa e di cooperazione internazionale fra i partner europei di Grecia, Polonia, Malta, Spagna e Romania. Nel frattempo, mercoledì 15 ottobre  avrò modo di portare la testimonianza del progetto “Terre del Lamone” proiettato ad un Incoming integrato, per il quale coordino il Tavolo del Turismo.

freccia SO.TO.

Identità e Territorio: alla Tenuta Masselina del Gruppo Cevico, verso un Incoming Integrato

Tecnici di Agenzie Viaggio, Tour Operators, Guide e Accompagnatori Turistici, Local expert, Docenti e Consulenti di Marketing Turistico, Facilitatori di Marketing Territoriale, Strutture ricettive, Operatori dell’enogastronomia, Amministratori pubblici, Organizzatori di eventi, e potrei contiuare. Per riuscire a realizzare un’attività di Incoming in Romagna occorre tutto questo e al workshop ho presentato chi sta investendo da tempo per riuscirci…(maybe some day :-))).

Youtube